KLIMT INCONTRA I SUOI MODELLI, DA VAN GOGH A MATISSE. IN AUTUNNO UNA GRANDE MOSTRA AD AMSTERDAM

Conosciuto in tutto il mondo per i suoi ori, le misteriose donne avvolte in scintillanti abiti gioiello, il simbolismo universale delle sue icone all’apparenza uscite da un sogno, Gustav Klimt ha tratto ispirazione da numerosi artisti raccontando le inquietudini di un impero al tramonto.
Il pittore che ha esplorato straordinariamente gli abissi dell’inconscio ha intinto i pennelli nello stile di illustri colleghi, da Rodin a Matisse, prima di creare un’arte altrettanto accattivante in uno stile personalissimo.
Una mostra dal titolo Golden Boy Gustav Klimt. Inspired by Van Gogh, Rodin, Matisse al Van Gogh Museum di Amsterdam accoglierà, dal 7 ottobre all’8 gennaio, un confronto straordinario tra il maestro e i capolavori che hanno ispirato la sua arte.


Gustav Klimt, Giuditta, 1901, Olio e foglia d’oro su tela, 42 x 84 cm, Vienna, Belvedere | Foto: © Johannes Stoll, Belvedere, Vienna

Grazie alla collaborazione con il Belvedere di Vienna, opere come Emilie Flöge (1902) lasceranno la città sul Danubio per incantare il pubblico olandese (e non solo). Capolavori come Bisce d’acqua II (1904), visibile ai visitatori per la prima volta dagli anni Sessanta, insieme ad altri importanti lavori raramente concessi in prestito da tutto il mondo, voleranno alla volta di Amsterdam in vista della più grande retrospettiva sull’opera di Klimt mai organizzata nei Paesi Bassi.

In mostra il talento del genio che portò nuova luce nell’arte europea accenderà un focus sulla straordinaria stagione di fermenti culturali in una Vienna nella quale convergono la psicanalisi di Freud, i romanzi di Schnitzler, la filosofia di Wittgenstein, la musica di Mahler e Schonberg. Le inquietudini di un impero al tramonto dialogheranno con le tele del padrone di casa Vincent Van Gogh, con i ritratti di Sargent, i paesaggi di Monet, Rodin, Matisse, Toulouse-Lautrec.


Gustav Klimt, La Sposa, 1917-18, Olio su tela, 191×165 cm, Klimt Foundation, Vienna © Klimt Foundation, Vienna

Il pubblico sarà invitato a gustare un viaggio tra i tempi turbolenti nei quali Klimt visse, a scoprire la sua impressionante carriera e a sfogliare le storie nascoste dietro i dipinti, a conoscere il ruolo dei committenti, i soggetti prediletti.
Gli ospiti del Van Gogh Museum seguiranno l’incredibile sviluppo artistico del pittore, dal ritratto dei primi anni che immortala il pianista Pembaur (1890) ad Adele Bloch-Bauer II (1912) ed Eugenia Primavesi (1913), due esplosioni di colore ispirate a Van Gogh e Matisse.
La mostra abbraccerà altre opere iconiche come la sensuale Giuditta (1901), l’audace La sposa, lasciata incompiuta sul cavalletto quando Klimt morì nel 1918.


Van Gogh Museum, Amsterdam | Courtesy Van Gogh Museum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Categorie