JW Anderson sfilata uomo primavera estate 2023 e Resort donna 2023

Alla sfilata uomo primavera estate 2023 di JW Anderson il direttore creativo britannico fa trovare all’accoglienza un setting di cubi azzurri confetto con un’esposizione vivente di giovani ragazzi che riportavano magliettine parlanti come “Gaiety”, “Mortification” oppure “See here at last is love”. A primo impatto potrebbero ricordare vagamente le performance dei go go boys di Felix Gonzales Torres, ma l’attitudine è cambiata. Finalmente fisicamente alla Milano Fashion Week, Jonathan Anderson evolve la sua collezione partendo da Self-Portrait, Staring di Rembrandt in cui l’artista si era autoritratto (in un’epoca in cui gli autoritratti non erano ancora in voga) con una attitudine provocatoria e quasi insolente. Una trasposizione metaforica che al giorno d’oggi si manifesta quotidianamente con i selfie digitali.

image (3669×5504)image (3555×5333)image (3669×5504)
E nella collezione uomo primavera estate 2023 di Jonathan tutto questo si trasforma in una mise-en-scène in cui alcuni oggetti vengono decontestualizzati con pratica Duchampiana, diventando indossabili con clash creativi che agli occhi di uno spettatore potrebbe sembrare un mix tra realtà e nonsense. Intersezioni di maglioni in knitwear e skateboard che creano silhouette tridimensionali a cuore, manubri di biciclette sorreggono lo styling dei look e magliette con linguette prelevate dai barattoli in latta di alimentari. Ma l’apice dell’insolenza arriva con il resto del guardaroba, che rischia di scadere in un’apparente banalità: t-shirt, felpe, bermuda, giacche in denim, pantaloni cinque tasche, bomber, blazer doppiopetto e parka. E per aggiungere bianco allo splendore maglioni e completi sgualciti che rivelano codici a barre in versione maxi quasi ad illudere che gli esseri umani sono risultati della società capitalistica contemporanea.

image (3669×5504)image (3466×5199)image (3669×5504)image (3586×5379)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Categorie