Schiaparelli: la collezione Fall Winter 22 “Planet Schiaparelli “

Ricca di motivi, ricami e silhouette uniche, la collezione è un’esuberante celebrazione dell’estetica Schiaparelli, il caratteristico busto a cono è abbinato a una gonna, modellato in un abito elegante e persino presentato come un divertente micro top con fondo a cono abbinato nel look finale della collezione. Ancora più nitidezza si ottiene con l’inclusione di dita extra lunghe sui guanti e vere e proprie forbici sulle mani che fanno pensare a Edward Mani di Forbice. Motivi di volute e fiori adornano gli abiti, diversi look hanno un tocco spagnolo che ricorda la collezione couture Autunno/Inverno 2021 della maison “The Matador”. Dai pantaloni a vita alta e le finiture accattivanti sulle giacche agli sgargianti abiti ricamati con volti e simboli cosmo, i codici di abbigliamento matador sono editati. Tutto è black and white, oppure rifinito con tocchi d’oro, sulle punte delle scarpe, sulle borse scultura, per i gioielli surrealisti a forma di occhio.

image (3840×4800)

image (3840×4473)

image (3840×4765)

image (3840×4800)

image (3840×4473)

Questa stagione abbiamo deciso di comunicare con il nero, il bianco osso e l’oro Schiaparelli, per lasciare che fossero gli abiti – le loro forme, la loro sartoria – a parlare. Il nostro obiettivo qui era la perfezione, il tipo di perfezione che nasce dal rigore. Qual era l’abito perfetto, il maglione perfetto, il cappotto perfetto? Volevo sapere non solo cosa rendeva indiscutibile un pezzo, ma cosa lo rendeva perfettamente Schiaparelli. Le risposte si trovano in una sottoveste di raso tagliata in sbieco con un busto plissé soleil, in un mini abito di raso con piercing in oro martellato e allacciatura in pelle nera, in una revisione dei primi maglioni di lana d’agnello jacquard trompe l’oeil di Elsa Schiaparelli del 1927, ricreati qui fila per fila. Ho pensato molto a rendere essenziale questa collezione, in due modi: non solo ciò che era fondamentale, ma quello che comprendeva il lessico di base del guardaroba Schiaparelli.

image (3840×4473)

image (3840×4473)

image (3840×4473)

image (3840×4773)

image (3840×4329)

image (3840×4800)

image (3840×4800)

image (3840×4473)

E così, Planet Schiaparelli è un luogo di disciplina, ma anche un luogo di lusso. Abbiamo un cappotto di shearling bianco come la neve, che scende oltre la caviglia (completo di un corsetto trompe l’oeil cucito nel busto), colpi di shearling, un top ricamato in finto ermellino, un abito di pelle nera che scende fino a terra con parti anatomiche articolate. E la nostra firma Secret Bag in coccodrillo, oro Schiaparelli e disegni ricamati della stagione. I codici ormai iconici della casa sono stati re-immaginati e rafforzati. Il segno delle ossa 3-D dell’era Dalì appare ora come un intarsio, in un semplice abito con taglio a matita bateau. I miei rendering della colomba, del lucchetto, della stessa anatomia umana, sono stati scannerizzati e ricamati in filo di cotone opaco sul denim (il più parigino dei cenni all’America). Una “S” di pelle a scorrimento ripresa dagli archivi è riprodotta su un classico cappotto doppiopetto, in crêpe di lana nera.” Racconta Daniel Roseberry a proposito della collezione.

image (3840×4329)

image (3840×4473)

image (3840×4473)

image (3840×4748)

image (3840×4473)

image (3840×4473)

image (3840×4762)

image (3840×4473)

image (3840×4473)

image (3840×4800)

La collezione arriva prima di una mostra del lavoro di Elsa Schiaparelli al Musée des Arts Décoratifs questo luglio. Quella mostra si concentrerà sulle relazioni di Schiaparelli con vari artisti, come Dalí, Man Ray, Andy Warhol e Jean Cocteau. Con questo in mente, Roseberry rende omaggio all’affinità artistica della fondatrice della Maison. Il nuovo corso di  Schiaparelli conosce le sue origini stravaganti e le abbraccia, invitandoci a sensazionalizzare la quotidianità con un prêt-à-porter dirompente, stuzzicando i nostri sensi in modi inaspettati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Categorie