TORNA LA NOTTE EUROPEA DEI MUSEI. A CACCIA DI BELLEZZA TRA ITINERARI SOTTERRANEI E CASTELLI

L’arte brilla al chiaro di luna con la Notte Europea dei Musei, tra concerti, spettacoli teatrali, visite guidate sotto le stelle, a caccia di storie tra castelli e siti archeologici, al cospetto del bello che brinda alla ripartenza.
In occasione dell’iniziativa promossa dal Ministero della Cultura francese, con il patrocinio dell’Unesco, del Consiglio d’Europa e dell’Icom, giunta quest’anno alla sua XVII edizione, la cultura fa le ore piccole per regalare suggestioni.
Sabato 3 luglio, al costo di 1 euro, collezioni e gallerie spalancano i loro ventri per condividere con i visitatori il fascino di capolavori senza tempo, da assaporare, in alcuni casi, in maniera del tutto inedita.
Come al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dove è possibile apprezzare un originale focus su uno degli allestimenti più suggestivi. Ogni trenta minuti, a partire dalle 19.30, gruppi di venti persone cammineranno, rigorosamente con copriscarpe, sui pavimenti musivi della Collezione Magna Grecia, mentre il personale del MANN ed alcuni esponenti della Comunità Ellenica di Napoli e Campania risponderanno alle loro curiosità.


Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Collezione Magna Grecia | Foto: © Giorgio Albano | Courtesy MANN

Anche Pompei inaugura la sua estate al chiaro di luna e, in occasione della Notte dei Musei, offre una visita straordinaria gratuita ai depositi ospitati negli antichi granai del Foro (prenotazione consigliata sul sito Ticketone). È possibile, inoltre, richiedere una visita accompagnata a cura di Scabec (Costo 5€ +1,50€ di prevendita on-line).

Il 3 luglio, dalle 20 alle 23, aprono anche la anche Villa di Poppea, Villa Regina, Villa San Marco, il Museo Archeologico di Stabia Libero D’Orsi, la Reggia di Quisisana.

Nel Parco archeologico dei Campi Flegrei, i visitatori dell’Anfiteatro puteolano, muniti di torcia, saranno invitati a compiere un suggestivo percorso “al buio” nei sotterranei dell’arena dove i gladiatori attendevano prima di entrare in azione. (Prenotazione obbligatoria sul sito di Coopculture).


Piazza d’Armi del Castello di Baia | Courtesy Parco Archeologico Campi Flegrei

Poco distante, nel Parco archeologico delle Terme di Baia, la notte dei Musei sarà anticipata dall’eccezionale opportunità di visitare le Terme Ipogee all’interno della Sezione della Sosandra. Nel bagno romano scavato all’interno della collina gli ospiti potevano captare il massimo calore del naturale vapore curativo per cui era famosa Baia. Un gruppo di speleologi accompagnerà i visitatori alla scoperta di questo nuovo ambiente sotterraneo (Info sul sito ufficiale)

Puntiamo ancora più a sud. Anche il Museo Archeologico Nazionale di Taranto aderisce alla Notte dei Musei con un’apertura notturna straordinaria fino alle 23. Da non perdere la visita alle due mostre in corso, la conferenza a due voci sulla figura di Medea nella tragedia di Euripide e, alle 21.15, la visita guidata dedicata allo sport e ai giochi nell’antica Grecia.


Galleria Borghese | Foto: © L. Romano | Courtesy Galleria Borghese

A Roma la notte renderà ancora più suggestivo il dialogo tra i capolavori della Galleria Borghese e le monumentali sculture di Damien Hirst, con la Galleria eccezionalmente aperta fino alle 22 con due turni di visita, dalle 19 alle 20.30 e dalle 20.30 alle 22.
Ma nella capitale, la Notte Europea dei Musei coincide anche con l’iniziativa “Tenera è la notte alle Terme di Caracalla” a cura della Soprintendenza Speciale di Roma, in collaborazione con Electa. Per la prima volta gli appassionati di archeologia potranno scegliere di visitare in notturna il suggestivo sito delle Terme con passeggiata “libera” tra i grandi mosaici e i resti delle vasche, le palestre, la natatio e il frigidarium, oppure con una visita guidata che consentirà anche di scoprire i sotterranei, il Mitreo e la Mela Reintegrata di Pistoletto.


Le Terme di Caracalla, a Roma, di notte | Foto: © Enzo Giovinazzo e Fabio Caricchia | Courtesy Soprintendenza Speciale di Roma

Raggiungiamo Firenze dove, dopo due anni, le Gallerie degli Uffizi aprono le loro sale al pubblico anche di notte, regalando agli ospiti un tramonto romantico sulla terrazza della Loggia dei Lanzi. Piccola sosta alla Galleria dell’Accademia, per apprezzarne il nuovo percorso espositivo e, al primo piano, riaperto dal 1° luglio, le tavole dei maestri del Tardo gotico fiorentino e del primo Quattrocento.


Galleria dell’Accademia di Firenze | Foto: © Guido Cozzi | Courtesy Galleria dell’Accademia

In Piemonte gli art lovers vivranno la magia di una notte principesca tra Palazzo Carignano, Villa della Regina, Castello di Racconigi e Forte di Gavi. In questa storica fortezza in provincia di Alessandria, costruita dai genovesi su un preesistente castello di origine medievale, dalle 17.30 alle 19.30, si possono rivivere le rocambolesche fughe dei militari prigionieri nel Forte durante la seconda guerra mondiale.
Nel cuore di Torino, Palazzo Carignano apre le sale degli Appartamenti dei Principi, mentre il complesso museale di Villa della Regina attende i visitatori dalle 18 alle 21 per regalare uno spettacolare panorama della città al tramonto.


Villa della Regina | Courtesy Direzione regionale Musei del Piemonte – Ministero della cultura

Notte di festa anche ai Musei Reali aperti dalle 19.30 alle 22.30 per svelare al chiaro di luna i capolavori di Palazzo Reale, le collezioni dell’Armeria e della Galleria Sabauda, offrendo la possibilità di fare un tuffo nel passato di Torino al Museo di Antichità e di godersi un po’ di refrigerio nel Boschetto e nel Giardino Ducale.

Un itinerario notturno di grande fascino accompagna gli ospiti tra le sale del Castello di Racconigi, tra gli ambienti di rappresentanza del Primo piano nobile, la galleria del Fregio palagiano, e la mostra Storie dal mondo in Castello, allestita nella Cappella settecentesca (Info disponibili sul sito web).


Musei Reali, Giardino del Duca | Courtesy Musei Reali

Un altro castello attende i partecipanti alla Notte europea dei Musei per raccontare i suoi segreti. È la fortezza di Torrechiara (Langhirano – Parma) che apre eccezionalmente le proprie sale dalle 19 alle 22, con ultimo ingresso e chiusura della biglietteria alle 21.30. (Accesso con prenotazione obbligatoria al numero 0521 355255 con almeno un giorno di anticipo). Naso all’insù a Palazzo Milzetti, a Faenza, dove il Museo Nazionale dell’età neoclassica in Romagna, invita il pubblico a scrutare le volte decorate, con una particolare attenzione ai riferimenti celesti e alle storie della notte. Dal Tempio di Apollo, al boudoir, alla biblioteca, verranno svelate credenze, miti, allusioni e personificazioni, in un’aura di mistero e sogno (Info e prenotazioni al numero 054626493).
L’iniziativa Una sera a Palazzo ci porta infine a Venezia, dove il Museo di Palazzo Grimani, sede fino al 27 novembre della mostra di Georg Baselitz, Archinto, rimarrà aperto fino alle 22 con ingresso a 1€ dalle 18.30 alle 21.30.

L’elenco delle altre iniziative, in continuo aggiornamento, è disponibile sul sito del ministero della Cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie