Dior Men Resort 2022

Quest’anno segna il terzo anno di Kim Jones come Direttore Creativo di Dior Men, la venerata casa di moda fondata da Monsieur Christian Dior nel 1946. Mentre il designer ha un debole per la collaborazione con il mondo dell’arte contemporanea come KAWS , Daniel Arsham, Amoako Boafo , Kenny Scharf e Peter Doig , trova altrettanto facile guardare indietro ai favolosi archivi della Maison per trovare ispirazione. Con una storia così lunga che risale al dopoguerra, Jones è in grado di attingere alle visioni del suo predecessore per creare la sua nuova collezione.

Per la collezione Resort 2022 della Maison, Jones ha guardato indietro agli anni ’60 durante i quali Marc Bohan era al timone della Maison come secondo successore di Monsieur Dior. Incorporando motivi come l’emblematica stampa Dior Oblique introdotta nell’etichetta da Bohan, si vedono anche dettagli floreali, un cenno all’amore di Monsieur Dior per l’orticoltura.

Lontano dalla solita fanfara delle passerelle stravaganti, la presentazione della collezione Resort 2022 è stata un po’ sottotono come con le sue novità. Sfogliando il lookbook catturato da Brett Lloyd, non si può fare a meno di notare che la sartorialità generale tende più verso il meno formale. Questo è in tandem con l’attuale tendenza di optare per abiti leggermente meno restrittivi perché stiamo trascorrendo più tempo a casa ora a causa della pandemia in corso. L’inclinazione, quindi, è verso modelli più capienti e comodi da indossare. 

Un’altra tendenza in crescita tra i marchi è evocare un senso di nostalgia . Dato che non siamo riusciti a festeggiare molto l’anno scorso, guardiamo indietro a giorni più felici e migliori per rendere più sopportabile la nostra situazione attuale. E secondo la ricerca, la nostalgia può contribuire alla resilienza psicologica e all’ottimismo, e queste sono qualità importanti da incarnare in un momento come nessun altro. Commercializzando questa tendenza in rivolta, Jones ha incorporato elementi del passato come scarpe da ginnastica pesanti B30 di ispirazione retrò, cardigan da nonno e marsupi. Nel complesso, l’atmosfera preppy della collezione ricorda la vita collegiale di un tempo.

Pezzi notevoli di questa collezione includono la borsa da weekend chiamata Lingot, che si riferiva a una barra d’oro, una giacca in nylon ripstop che può essere piegata in una borsa da sella e, naturalmente, la B30 menzionata in precedenza. Ogni borsa ha anche uno slot per gli AirTag appena rilasciati da Apple, che ti consentono di rintracciare la tua borsa in caso di furto. Altrove, puoi trovare anche il classico logo “Christian Dior Atelier” su giacche e camicie.

“I pezzi impacchettabili sono davvero fondamentali in questa stagione. Rappresentano per noi il savoir-faire in un modo nuovo: non come un particolare tessuto o ricamo, ma come un vero e proprio studio di costruzione e funzione”, ha affermato Jones.

La collezione Resort 2022 è semplice ma emana un’aria di sobria eleganza e lusso, rendendola un sicuro successo tra i fan della Maison.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie