Patricia Gucci contro il film

“Dopo aver visto le immagini in anteprima di ‘House of Gucci’, che uscirà a novembre, non posso stare a guardare. Mio padre – Aldo Gucci, che ha trasformato Gucci da un unico negozio a Firenze a un fenomeno globale durante i suoi 30 anni come Presidente – è ritratto come un minuscolo delinquente sovrappeso, quando in realtà era alto, magro e con gli occhi azzurri. Era la personificazione dell’eleganza, applaudito da reali, capi di stato e leggendarie star di Hollywood”. Patricia Gucci non ci sta, e in un lungo post su Facebook si scaglia contro il film sulla sua famiglia, ‘House of Gucci’, criticando aspramente il ritratto del padre che ne emerge.

“Nel film – scrive la Gucci – è interpretato da Al Pacino, l’attore noto per il suo ruolo in Il Padrino come gangster e Scarface come spacciatore, in cui stigmatizza generazioni di italiani e latini. La sceneggiatura è basata su un libro di un autore che non ha mai incontrato mio padre ed è incentrato su Patrizia Reggiani (interpretata da Lady Gaga, ndr) – un’assassina condannata – e mio cugino Maurizio Gucci, che ha spietatamente messo da parte suo zio in una scalata ostile prima di mandare all’aria l’attività. Vederli glorificati dall’Olimpo di Hollywood e dall’acclamato regista Ridley Scott è incomprensibile”.

Maurizio Gucci, scrive ancora Patricia, “doveva tutto a mio padre, che da giovane lo prese sotto la sua ala protettrice e lo trattò come un figlio. Aldo Gucci non è stato impeccabile. Aveva un carattere leggendario e governava con il pugno di ferro. La sua tenacia era pari a una lealtà eterna alla sua famiglia, e si è guadagnato il rispetto di tutti coloro che hanno lavorato con lui, me compresa. Molte persone devono la loro carriera a lui. Il successo di Gucci, e del franchise Made in Italy che ha contribuito a lanciare innumerevoli marchi nel corso degli anni, è in gran parte dovuto a lui”.

“La memoria di mio padre è troppo preziosa per essere calunniata – conclude la figlia di Aldo Gucci – Non è più qui per difendersi da questa apparente denigrazione. Per portare avanti la sua eredità, ho pubblicato il mio libro di memorie nel 2016 e ho rifiutato molte offerte per realizzare un adattamento cinematografico, per paura che eventi reali e personaggi venissero distorti a scopo di lucro”. La storia, secondo l’erede della maison, “non dovrebbe essere rivisitata nell’interesse di vendere più libri e servizi di streaming. Il 2021 è il 100mo anniversario di Gucci come marchio, 70 dei quali come azienda familiare. Niente di tutto questo sarebbe stato possibile senza il genio di Aldo Gucci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie