Negli anni ’50 Pan Am volava su aerei di lusso con letti in scompartimenti sopraelevati

L’età d’oro dei viaggi apparteneva davvero agli anni ’50, quando gli aeroplani avevano letti a castello come i treni. Champagne, sigari e caviale venivano consumati al posto di panini e hamburger, e un viaggio in aereo era semplicemente una vacanza nei cieli. Air New Zealand ha annunciato i suoi piani per introdurre letti a castello nel 2020 e questo deve aver spazzato via i calzini da alcuni appassionati di viaggi. Solo che non è un’idea nuova; infatti Pan Am Airways operava voli dove lo spazio di stivaggio in alto era in realtà un compartimento per dormire, i passeggeri erano soliti addormentarsi dopo pasti inebrianti di arrosto di manzo e cocktail. A quei tempi, l’ampio spazio per le gambe e le sdraio non erano considerati l’epitome del lusso; al contrario, aerei come Martin M-130, Lockheed Constellations e Douglas DC-6 operati da compagnie aeree come KLM avevano letti sia negli ancoraggi superiori che in quelli inferiori. Sono stati forniti comodi materassi, tende in stile Pullman, finestre, luci di lettura e persino la colazione a letto, rendendo l’esperienza di volare nei cieli davvero indimenticabile. L’intera esperienza non è stata economica allora, anche se valeva assolutamente ogni centesimo; un biglietto di andata e ritorno in pullman da New York a Londra con un Boeing 377 Stratocruiser costa circa $ 580.

L’assistente di volo della Pan Am Bronwen Roberts era solito volare sul Boeing 377 Stratocruiser alla fine degli anni ’50, disse: “Questo stile di volo è molto diverso dal volo di oggi, dove i passeggeri di solito stanno tranquilli e si tengono per sé. Nella lounge, invece, i volantini chiacchieravano e socializzavano. Una delle caratteristiche speciali degli aerei durante questo periodo erano i letti sopraelevati. Invece di stipare i bagagli nelle cappelliere, i passeggeri potevano tirare giù un letto e addormentarsi sopra i sedili dell’aereo. Li ho testati quando eravamo a terra ed era così spazioso “, ha aggiunto Roberts. “Anche un uomo alto poteva allungarsi, ed era molto comodo.” La 377 Stratocruiser oggi è ridondante, ma la Pan Am Museum Foundation ha una mostra sull’aereo a New York City piena di immagini e cimeli dell’aereo di lusso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie