Il Colosseo di Roma deve essere ricostruito per diventare un hub per eventi culturali

Un tempo si pensava che Roma fosse il centro del mondo e da questa maestosa città vengono create strade per stabilire una vasta rete di rotte commerciali, collegando varie città alla capitale. Ed ecco come è nata la frase “tutte le strade portano a Roma”. La vita all’interno della città antica non era facile nonostante la sua gloriosa facciata. L’uomo comune deve lavorare duramente per sbarcare il lunario e l’imperatore romano Vespasiano capisce che i suoi cittadini hanno bisogno di una pausa di tanto in tanto se non ne consegue una potenziale rivolta, così ha costruito il Colosseo dove le persone possono divertirsi.

Il livello del suolo è dove si svolge tutta l’azione. I combattenti schiavi emergono dal basso, quasi magicamente, dove combatteranno con bestie esotiche catturate da tutto il mondo: è consentito un solo sopravvissuto. Sotto il pavimento ricoperto di sabbia c’è un vasto labirinto di tunnel segreti, ipogei , che ora sono esposti ai visitatori. Oltre a ospitare lotte di gladiatori, il Colosseo era utilizzato anche per varie attività come corse di bighe e concerti. È un sito che è pieno di immenso significato culturale a causa della sua storia leggendaria. 

Immagine di Henry Paul

Ora, ci sono piani per ricostruire questo sito del patrimonio con il governo italiano che ha promesso quasi 12 milioni di dollari per l’installazione di nuove infrastrutture. Secondo Smithsonian, si dice che “un nuovo pavimento retrattile che riporterà l’anfiteatro alla sua gloria dell’era dei gladiatori” è in fase di considerazione e il suo altro utilizzo sarà quello di proteggere i tunnel da condizioni difficili.

Con le specifiche in mente, Roma è ora alla ricerca di proposte di design da parte dei team di progettazione per ricostruire il Colosseo in un luogo per eventi culturali come concerti e spettacoli teatrali. Secondo BBC News, le parti interessate possono presentare le loro idee al ministero della Cultura entro il 1 ° febbraio e sperano di completare il progetto entro il 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie