Bottega Veneta la collezione Salon 01

La nuova collezione Salon 01 architettata da Daniel Lee anzalizza le tematiche sociali contemporanee tenendo un focus sul rapporto tra routune quotidiana e il desiderio sovversivo di libertà. A Londra si è svolto l’evento Salon 01 London, circoscritto a pochissimi invitati che hanno preso parte al nuovo progetto, una continuazione di Wardarobe 01 presentato ad Ottobre. Gli eventi si susseguono secondo il principio performativo di “Leave No Trace”, sviluppati in un’ambientazione vuota in cui rimangono solamente gli arredi esistenti. A trasportare gli osservatori in un altra dimensione sono le coreografie di luci, uno spettacolo tecnicolor di proiezioni luminose che colmamo il vuoto restituendo evanescenza e dinamismo. Gli abiti in crochet e in knitwear condividono la stessa matrice sperimentale, questo proviene da una collaborazione con l’artista tedesca contemporanea Rosemarie Trockel, famosa per i suoi dipinti con lavorazioni in lana. La sartoria realizzata in maglia continua il dialogo di ricordi nostalgici collegati all’ambiente domestico. Anche i tessuti sono simili agli arredamenti per la casa e fanno riferimento ai codici estetici degli anni Sessanta. Silohuette strutturate e allo stesso tempo morbide si relazionano con l’abbigliamento confy ed easy-to-wear, come per le calzature: wedges leggere con finiture artigianali e pelle gommosa tactile e le zeppe, pensate ad opera d’arte, che rivendono l’architettura del platform in una versione concettuale.

Tra gli invitati dell’evento erano presente Neneh Cherry, Skepta, Michael Clark, Roberto Bolle, Rosemarie Trocker, Sheila Atim Nubya Gracia, Sue Webster e Tyrone Lebon.  

Scorri verso il basso per vedere l’intera collezione

1 / 51

Il Gift di Bottega Veneta

Con l’evento Salon 01 LondonBottega Veneta invia anche un formato Gift in edizione limitata composto da una tote bag verde contenente 3 libri e un disco in vinile. Il libro 01 contiene le fonti d’ispirazione della collezione e il processo creativo del direttore creativo, il volume 02 è stato creato dall’artista concettuale tedesca Rosemarie Trockel, la sua opera che sfrutta i lunguaggi figurativi, le installazioni e la scultura, vuole sfidare la cultura della femminilità. Trockel infatti applica le sue doti curatoriali creando combinazioni di collage fotografici che trasformano il prodotto in un potente oggetto del desiderio. Il libro 03 è dedicato infine alla presentazione fisica con le immagini del palco e il backstage scattate dal fotografo Tyrone Lebon. All’interno anche un vinile rigorosamente verde che completa il processo con il soundtrack dell’evento. Una traccia parlata che guida la sfilata con aforismi tra cui “It’s good to be safe, but you know it’s really important to be bold” frasi pronunciate dall’artista Neneh Cherry che aveva collaborato in precedenza con Daniel Lee per il cortometraggio disponibile su MUBI intitolato “Bottega Veneta: Men”. Le frasi rimarcano l’alloure sperimentale di Bottega Veneta, indicando il carattere della direzione creativa.

1 / 10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie