La mini-serie di Gus Van Sant e Alessandro Michele firmata Gucci

Con il Gucci Fest, il festival digitale ed innovativo di moda e cinema trasmesso su You Tube Fashion, Weibo, Gucci YouTube e inserito nel sito dedicato Guccifest.comGus Van Sant e Alessandro Michele presentano la miniserie “Ouverture of Something that Never Ended”. Composta da sette episodi girate interamente a Roma la nuova serie ha come protagonista l’attrice di cinema e di teatro, performer, scrittrice e danzatrice Silvia Calderoni, impegnata in una surreale routine quotidiana in diversi scenari della capitale italiana, mentre incontra una serie di talenti internazionali e amici della maison, fra cui: Paul B. Preciado, Achille Bonito Oliva, Billie Eilish, Darius Khonsary, Lu Han, Jeremy O. Harris, Ariana Papademetropoulos, Arlo Parks, Harry Styles, Sasha Waltz e Florence Welch.  La mini-serie rivelerà gradualmente la nuova collezione giorno per giorno.

La miniserie racconta: “La vita di una ragazza a Roma, giorno per giorno” così il regista Gus Van Sant definisce il nocciolo tematico della serie: “Silvia Calderoni viene dal mondo del teatro, è una scrittrice, un’autrice, una danzatrice e un’attrice. In ciascun episodio rappresenta il perno attorno a cui ruotano le storie interpretate dagli altri attori.” Al fianco del celebre regista il direttore creativo Alessandro Michele: “Sono ossessionato dal rapporto tra realtà e finzione. Silvia è un’artista eccezionale, non sarebbe stato possibile realizzare la serie senza di lei. Quando Gus l’ha conosciuta, ha subito visto in lei doti uniche di interprete e performer. Silvia ha portato in scena molte delle sue stesse idiosincrasie personali. Noi l’abbiamo seguita, osservata e ripresa esattamente nella sua essenza”.

Clicca qui per scoprire di più sul Gucci Fest e scorri verso il basso per scoprire gli episodi di “Ouverture of Something that Never Ended”

Giorno dopo giorno verrà svelato un episodio, nel primo episodio ‘At Home la protagonista Silvia ascolta una discorso di Paul B. Preciado, autore, filosofo, curatore e una tra le voci più influenti della teoria di genere. Il suo lavoro è un punto di riferimento fondamentale per le comunità queer, trans e genderless. “Il mio personaggio è un filosofo che interviene in televisione per parlare della rivoluzione di genere, sessuale e anti-razzista che stiamo attraversando in questo momento. Sono me stesso, nel senso che porto in scena le mie parole e le mie idee, ma d’altra parte non sono esattamente io perché è molto difficile che un filosofo parli in televisione, ancora più raro che parli guardando direttamente negli occhi chi lo sta ascoltando a casa…” ha raccontato Paul B. Preciado: “Ammiro molto Alessandro Michele e Gus Van Sant. Li definirei artisti queer, nella misura in cui il loro lavoro contribuisce a rivoluzionare il modo in cui intendiamo i concetti di genere e di sessualità. Sono un grande amante dei film di Gus Van Sant. Alcune delle sue pellicole, tra cui Even Cowgirls Get the Blues, My Own Private Idaho, Last Days, Harvey Milk e The Sea of Trees sono stati fondamentali per l’elaborazione del pensiero queer della mia generazione.”

Nell’episodio ‘At the Café, compare Arlo Parks, poetessa e cantautrice londinese che recita il ruolo dell’amica di Silvia. Il personaggio di Arlo lascia il bar in cui si trova con Silvia e inizia a vagare per le strade di Roma con un gruppo di amici. “Era la mia prima volta in questa città. Il clima era caldo e il cielo era di un azzurro nitido” racconta  Arlo a proposito delle giornate trascorse sul set: “E’ stato surreale essere diretta da icone come Gus e Alessandro, il loro senso di umiltà e creatività è stata una vera fonte di ispirazione per me. C’era un’atmosfera distesa, giocosa, ed è stato divertente improvvisare. Sono riuscita ad entrare in contatto con il mio io più spensierato e curioso. E’ stato molto appagante.” 

Gli episodi di “Overture of Something that Never Ended”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie