Prada presenta la semplicità in un’installazione cinematografica digitale in cinque parti per la primavera del 2021

“Man mano che i tempi diventano sempre più complessi, i vestiti diventano semplici, non ostentati, macchine per vivere e strumenti per l’azione e l’attività.”

Prada Primavera 2021

Prada ha realizzato un’installazione digitale di gruppo di cinque film di Willy Vanderperre, Juergen Teller, Joanna Piotrowska, Martine Syms e Terence Nance. Girato e diretto all’iconica Fondazione Prada che non solo ospita una vasta collezione d’arte, ma ora ospita tutte le sfilate post-covid.

Mettendo in mostra violini tremanti su scatti dinamici e retroilluminati con messa a fuoco a fuoco di sottili sagome sartoriali in bianco e nero, i film che hanno attraversato la durata di 11 minuti, hanno ritratto artisticamente l’ultima collezione primavera 2021 del marchio in una serie di contrasti. Caratterizzato da abiti da sera in nylon nero con gonna ampia contro abiti da lavoro a punto smock e abiti ascetici fuori dal set da abbigliamento sportivo, il montaggio veloce è stato un’esperienza cinematografica in sé.

 

Con la stratificazione meta-meta di elementi schermo su schermo, ogni film emanava un livello sorprendente di distanza visiva, sia attraverso pannelli in primo piano o angoli che si affacciano, o la luna che esplode e la spettrale coperta di sopravvivenza, aveva inserito Terence Nance. Ogni film, che trasmette un rilassante senso di serenità, è disseminato di dettagli intricati, che legano la collezione nel suo insieme.

 

In definitiva, gli stilisti e i direttori di Prada hanno utilizzato la collezione Primavera 2021 per attirare l’attenzione sui concetti costantemente intrecciati di semplicità e complessità: “Penso che il nostro lavoro come stilisti sia creare vestiti per le persone, questa è l’onestà. Questo è davvero il valore del nostro lavoro: creare abiti belli e intelligenti. Questa stagione ci siamo concentrati su quell’idea: si tratta di vestiti, di dare valore ai pezzi. Gli abiti sono semplici, ma con il concetto di semplicità come antidoto a complicazioni inutili. Questo è un momento che richiede una certa serietà, un momento per pensare e riflettere sulle cose. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie